5 semplici trucchi

Davanti alla camera deve succedere qualcosa di unico.
Se il racconto è vostro e se siete sufficientemente talentuosi questo aspetto è più facilmente raggiungibile. Se però state girando qualcosa per un cliente è molto probabile che ci saranno più paletti a limitare la vostra creatività. Ciò nonostante vale sempre la stessa regola, il video è interessante quanto più è in grado di mostrare qualcosa di nuovo o in modo nuovo, in termini di luoghi, immagini, azione che si svolge, linguaggio etc..

lubezky

Indipendentemente dal soggetto però, abbiamo a disposizione 5 semplici pratiche che possono aiutarci a rendere meno scontate le nostre riprese:

  1. proviamo a NON posizionare la camera sempre all’altezza delle nostre spalle o della nostra testa mentre riprendiamo. Cerchiamo riprese da una angolazione insolita, senza esagerare e senza voler stupire a tutti a costi, ma proviamo qualche variazioni sul tema e cerchiamo di capire se questo può aggiungere qualcosa di interessante.
  2. proviamo a fare qualche esperimento variando il campo visivo, usando quindi la ripresa grandangolare oppure tele con maggiore intento creativo. Un grandangolo allontana lo sfondo, un obiettivo tele lo avvicina al soggetto. Proviamo ad uscire dall’ovvio ed usiamo (per esempio) un grandangolo molto vicino al soggetto per vedere l’effetto che fa.
    wide
  3. Riprendiamo da luoghi insoliti, posizioniamo per esempio la camera all’interno del bagagliaio di un auto e riprendiamo il soggetto che apre il bagagliaio da questa posizione.
    POV-SHOT
  4. usiamo delle “interferenze” nell’inquadratura. Proviamo a interporre qualche tipo di oggetto tra il soggetto e la camera, un oggetto sfocato in primissimo piano, per esempio la maglia di una rete, le nostre dita, la testa di una persona. L’effetto può risultare molto interessante.
    interferenze
  5. Sperimentiamo con attenzione l’uso del fuoco nell’inquadratura, con la messa a fuoco indirizziamo l’attenzione oltre a conferire un particolare gusto all’immagine. Non sempre per far questo sono necessarie lenti con diaframma molto aperto. Sperimentate usando obiettivi tele, oppure se usate obiettivi grandangolari avvicinate molto il soggetto alla camera. Naturalmente se disponete di ottiche in grado di farvi agire al meglio sulla profondità di campo (molto luminose f2.8, f1.4 per esempio) non avete che da sbizzarrirvi.

    Si tratta di semplici accorgimenti, molto utili ma che troppo spesso trattiamo con superficialità. Fate qualche test, potrebbero tornare utili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *